BLOGGING , MARKETING E SOCIAL MEDIA,  LAVORO E PRODUTTIVITA',  TUTTI GLI ARTICOLI DEL BLOG,  VINCENTE E DI SUCCESSO

HAI BISOGNO DI UN SITO WEB PERCHE’ I SOCIAL NON SONO ABBASTANZA

Un po’ di giorni fa Instagram non funzionava e la maggior parte degli imprenditori che conosco è andata in panico completo: lì ho capito quanto abbiamo veramente investito in una piattaforma. e da lì anche l’idea di scrivere questo post.

Sia chiaro, non fraintendetemi: ADORO assolutamente Instagram, io stessa da pochi giorni ho iniziato a curarlo per sperimentare alcuni metodi e studiarne l’analisi (ve ne parlerò a termine dell’esperimento) ma mi ha fatto pensare … e se Instagram scomaprisse domani?

Solo pochi giorni prima del down, stavo ascoltando un podcast in cui un maestro del marketing faceva la sua previsione e cioè che Instagram sarebbe morto in pochi anni. Non voglio crederci, o meglio spero non sia così, ma questo mi suggerisce anche una domanda davvero valida che dovremmo porci tutti:

Abbiamo un pubblico che può raggiungerci ben oltre le nostre pagine sui social media?

Vorrei ricordare ai vari smanettoni come me, quando nel 2007 MySpace era il top del top, e tutti abbiamo investito innumerevoli ore nel rendere le pagine le migliori (per noi o per le figure per cui le creavamo). Certo non era la stessa diffusione dei social odierni, anche perchè allora non erano diffusi gli smartphone. Le aziende, perè, già allora pagavano per la pubblicità e utilizzavano la piattaforma per attirare clienti e seguito.

Tutto ad un tratto. FINE. MySpace non c’era più. Tutte le ore investite nella piattaforma volatilizzate.
Tutti quelli che avevano MySpace hanno dovuto scovare una piattaforma completamente nuova per iniziare, per condividere il messaggio del loro brand.

Spaventoso, vero? Che queste piattaforme di social media su cui trascorriamo così tanto tempo possano davvero, semplicemente, scomparire, lasciandoci con un pubblico quasi nullo e senza uno spazio dove condividere il nostro messaggio, non fa paura?

Ecco perché sono qui a dirti che hai bisogno del (solo) tuo spazio (sicuro) sul web.

Ti dico sei motivi per cui, nonostante tu sia presente in moto attivo sui social media, hai ancora bisogno di un sito Web:

perchè sito web serve più dei social eleonora vignato

1.Lo possiedi.

Usando i social media, stiamo essenzialmente prendendo in prestito il terreno di qualcun altro, giusto? Ma con il nostro sito Web, le nostre liste di e-mail, il nostro brand, possiamo ancora esistere (e crescere e prosperare) da soli e ben oltre i limiti che i social media possono darci.
Abbiamo un’azienda che funziona e va avanti, anche se i social media dovessero essere in calo.

2. I social media sono (tanto) affollati.

Il contenuto su cui stai lavorando così duramente non è nemmeno visto da tutto il tuo pubblico (tipo meno della metà…) perché c’è così tanta gente sulla piattaforma del tuo social network da non permettere di rendere i contenuti visibili a tutti (e poi i social non distinguono certo tra chi gli frega e chi no di ciò che hai da proporre, a differenza del sito dove chi è lì lo fa perchè ha interesse!). Anche se il tuo messaggio e la tua nicchia sono perfetti, in un social network sei sempre e solo un post nel mare dei post!

perchè sito web serve più dei social eleonora vignato

3. I siti Web convertono.

Se il tuo web designer è un esperto nel campo e sa il fatto suo, il tuo sito convertirà i visitatori in clienti paganti. I social media possono essere fantastici per far conoscere il tuo brand, ma alla fine della giornata, l’unica cosa di cui puoi essere certo è che solo il tuo sito Web è un collaboratore fedele che lavora 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per far conoscere le tue offerte, vendere i tuoi servizi e rispondere a qualsiasi domanda che i potenziali clienti potrebbero avere.

4. Un sito Web ti aiuta a essere trovato.

Oh eccoci qua: ti presento la miglior amica di noi copy… la SEO! Se vuoi davvero distinguerti dalla concorrenza , devi prima avere ben chiaro che le persone ti cercheranno, principalmente, tramite Google.
E Google non indicizzerà il tuo ultimo post su Instagram!
Quando, però, qualcuno sarà alla ricerca della persona migliore in città per fare il tuo lavoro, se il tuo sito web è fatto bene e ottimizzato SEO, allora sarai tu quello visualizzato, attraverso il tuo sito.

perchè sito web serve più dei social eleonora vignato

5. Gli inviti all’azione non sono ottimizzati.

Supponi di dire a qualcuno, attraverso il tuo post Instagram più recente, di contattarti nel caso in cui fosse interessato ai tuoi servizi e di prenotare una chiamata, per esempio, da parte del tuo staff.
Perfetto utilizzare una call to action!
Ma come e dove dovrebbero raggiungerti? Su direct?? Mmmh. Questa strategia è disordinata, disorganizzata e difficile da mantenere al passo con le domande (che si suppone tu desideri crescano sempre di più).
E’ tutto un andirivieni complicato programmare le cose e porre le domande giuste per concludere l’azione e farlo diventare cliente.

MA! Se, attraverso i social, dirigi le persone verso il tuo sito, BINGO! Puoi indirizzarli a compilare un solido modulo di contatto, dove chiedi loro di dirti ciò che gli interessa prima ancora di chiamarli tu (non facendoti cogliere mai impreparato!). Puoi mostrare credibilità e professionalità fin dall’inizio!

perchè sito web serve più dei social eleonora vignato

6. Analisi dettagliate.

Avere un sito Web in cui è possibile consultare le analisi ti aiuterà TANTISSIMO a sapere esattamente cosa sta convertendo, chi stai attirando e per quanto tempo rimangono a curiosare tra le tue pagine. Mentre i social media hanno un’analisi molto limitata, la quantità di analisi che puoi avere da un sito è molto più dettagliata, approfondita e utile!

Quindi, ragazzi: investite nel vostro, PROPRIO, spazio sul world wide web, dove avrete sempre il pieno controllo di ciò che sta succedendo.
Non aspettare che la tua piattaforma di social media preferita diventi obsoleta (…e ti assicuro che tutti speriamo che Instagram non lo diventi, perché anche io lo adoro tanto quanto te!).

perchè sito web serve più dei social eleonora vignato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *