CRESCITA PERSONALE,  TUTTI GLI ARTICOLI DEL BLOG

RICONOSCERE UN MANIPOLATORE

Ogni persona ha un riscontro nella propria comunità, specialmente all’interno della stretta cerchia di amici, familiari, colleghi e conoscenti.
Ci sono innumerevoli benefici a questo impatto positivo; il reciproco sostegno emotivo, intellettuale e spirituale ci incoraggia quando ci sentiamo oppressi e ci danno la forza di cui abbiamo bisogno per “salire di livello”.
Ma…
Alcune persone approfittano della fiducia generata in queste relazioni e manipolano gli altri per i loro fini.
Ci sono molti tipi di manipolazione, ma quella che di sicuro ci è più familiare è la manipolazione psicologica.
La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale che mira a cambiare la percezione o il comportamento degli altri attraverso tattiche subdole e ingannevoli.
Si prepongono solo gli interessi del manipolatore, spesso a spese di altri.
Questi metodi possono essere al limite dell’abuso, tanto possono diventare subdoli e ingannevoli.
Evitare i manipolatori, poichè troppo spesso non li POTRAI IGNORARE COME LE ALTRE PERSONE NEGATIVE può farti risparmiare molti nervosi e delusioni, quindi, per il tuo bene, dovresti imparare a riconoscere i loro metodi.

In questo post, condividerò 12 segnali di avvertimento che potresti avere a che fare con persone manipolatrici e come si possano deviare le loro tattiche subdole.

Giocare in casa
Il vantaggio del giocare in casa non è solo un fenomeno sportivo, ma si riflette in tutte le altre aree della vita. Ad esempio, probabilmente ti senti più a tuo agio lavorando nel tuo ufficio o dormendo nel tuo letto, invece che in una stanza d’albergo.
Un ambiente conosciuto dà alle persone una sensazione di sicurezza e fiducia in se stessi, cosa che i manipolatori conoscono bene e sfruttano per esercitare ulteriore pressione sulle vittime.Le persone manipolatrici ti porteranno in un posto che ti piace – il ristorante preferito, un locale che frequenti sempre, ecc. – dove è più facile abbasserai le difese, sentendoti a tuo agio, e dove quindi loro potranno essere più aggressivi e dominanti, costringendoti a soccombere alla loro influenza. Se vuoi evitare di trovarti in questa situazione, dovresti incontrare le persone in un ambiente neutrale.

Criticarti apertamente.

Molti manipolatori attaccano il loro obiettivo.
Direttamente e crudelmente: criticandoli e ridicolizzandoli in presenza di altri.
È il loro modo di dimostrare la supremazia e mettere in evidenza le tue (reali o meno) mancanze. Usando questa tattica, vogliono solo continuare a ricordarti i tuoi difetti o errori, e se non hanno lo scopo di farti compiere un’azione, non offrono mai aiuto o una soluzione. Questo perché le loro critiche non riguardano affatto te: riguardano la loro insicurezza e il bisogno di gonfiarsi la propria importanza. Se invece vogliono portarti in una direzione, a compiere un’azione o ad agire secondo il loro criterio, dopo averti mortificato, ti offriranno la soluzione per rimediare ai tuoi errori o per migliorare i tuoi difetti.

Per contrastare questo atteggiamento, non devi vacillare: puoi cambiare argomento, sbottare che sei molto occupato e che devi andartene, o semplicemente allontanarti (a seconda di quanto sia aggressiva la critica).
Crea uno spazio tra te e la situazione, una distanza, in modo che tu possa elaborare le critiche in modo equilibrato e ragionevole, invece di reagire semplicemente con rabbia o con dolore.
La maggior parte delle volte, questa critica ingiustificata non si basa nemmeno sulla realtà. Quindi non ci pensare più. E se necessario vai vedere come puo’ farti stare bene STAR LONTANO ALLE CRITICHE!

Portarti ad essere vulnerabile.

I manipolatori spesso ti invitano a iniziare una chiacchierata, facendoti aprire, condividendo i tuoi pensieri, idee e opinioni.
Lo fanno in modo da poter analizzare le tue idee, individuare i punti deboli e trovare il punto di rottura.
Stanno valutando i tuoi valori e le tue paure principali al fine di colpirti dove fa più male. Possono usare questo metodo, ad esempio, per influenzare una decisione a loro favore o semplicemente demoralizzare, e far uscire vincente la loro immagine nel confronto.Se si arriva al tavolo con un risaputo manipolatore, tuttavia, è possibile evitare questa situazione.
Stai calmo e parla delle cose in generale; non entrare nei dettagli e non rivelare i tuoi punti di vista finché non sarai in grado di parlarne equamente.
Per raggiungere questo obiettivo, assicurati di esporre le tue idee una alla volta (a partire dalla meno impattante o delicata), mettendo l’altra parte in condizione di ricambiare i discorsi, magari facendo domande a tua volta.
Se non lo fa, se non si espone, se svicola le domande… tieni le tue cose ben strette e le tue idee ancora di più, per qualcuno che sia lì davvero per ascoltarti!

La distorsione della verità .

La menzogna è una delle forme più frequenti di manipolazione, ma i manipolatori esperti sono più abili del limitarsi a questo.
Invece di mentire, distorcono la verità non rivelando tutte le informazioni, esagerando o sottovalutando intenzionalmente fatti importanti.
Questo ti porterà a conclusioni sbagliate, quindi assicurati di raccogliere le informazioni che ti servono prima di fidarti di una persona sospetta.

La tecnica della razionalizzazione.

Gli individui che cercano di manipolare altre persone, usano spesso questa tattica per bombardare le vittime con tonnellate di risultati statistici, ricerche e casi studio falsi o irrilevanti.L’unica via per uscire da questa situazione imbarazzante, è continuare a fare domande: chi ha condotto la ricerca che giustifica questa decisione? Come può interessare la mia nicchia? È solo un’eccezione una tantum o una regola generale del settore?

Una volta che avrai considerato tutte le possibilità con attenzione e preso con logica una decisione da solo, puoi accorgerti se c’è o meno la tecnica della razionalizzazione in campo.

Ostacoli amministrativi o burocratici.

Le persone manipolatrici spesso sfruttano le barriere amministrative burocratiche per rallentare o accelerare le tue decisioni.
Usano la burocrazia, il fatto che tu non sappia “compilare/inviare/dove guardare/con chi parlare” come ostacolo per preservare la dominanza e impedirti di scoprire cose essenziali.Fai attenzione cercando di a essere tenace e creativo. Di solito c’è più di un modo per ottenere le informazioni di cui hai bisogno, quindi pensa fuori dagli schemi e cerca di fare più cose che puoi per conto tuo.

Evitare la comunicazione .

Quando i manipolatori evitano di rispondere alle chiamate telefoniche, ai messaggi o agli inviti alle riunioni, tutto quello che stanno realmente dicendo è che non ne vale la pena.
Ti fanno aspettare perché vogliono mostrarsi più importanti, impegnati e di corsa.Se è possibile, la soluzione migliore è smettere di chiamare il manipolatore e trovare un altro modo per portare a termine il lavoro o arrivare al tuo scopo.
Capirà presto che non ha più potere su di te.
Se ciò non è possibile, lascia andare ciò che non è di tua competenza. La patata bollente lasciala a loro; se non rispondono, le attività incomplete sono colpa loro.

Comportamento aggressivo .

Tutti abbiamo affrontato questo tipo di manipolatore ad un certo punto delle nostre carriere. Questi sono individui che credono che la pura e, spesso, volgare aggressività produrrà i risultati desiderati.
Ecco perché parlano a voce alta e usano un linguaggio del corpo, che ostenta sicurezza, quasi minaccioso con te.In queste circostanze, stai calmo, parla piano, e contrapponi argomenti convincenti, non rispondere con altra aggressività.
Inoltre, se la cosa si svolge sul luogo di lavoro e proprio lo ritieni l’unico modo per salvarti da questa situazione, documenta questi comportamenti, in modo da poter informare i tuoi superiori o avere delle testimonianze.

Sorprese negative.

La maggior parte delle persone odia quando si trova a dover affrontare problemi improvvisi e inaspettati, sia nella vita professionale che in quella privata.
Le persone manipolatrici sono ben consapevoli di questo, quindi li usano per farti vacillare, mentre loro hanno la possibilità di fare un passo avanti.Ecco la reazione migliore: stai calmo e affronta il problema (creato ad hoc!) il più rapidamente possibile. E non aver paura di chiedere aiuto.
Ogni individuo affronta delle crisi di tanto in tanto, quindi è probabile che i tuoi colleghi non avranno problemi a darti una mano.
Poco tempo a disposizione, fare in fretta
Una tattica di vendita comune è quella di mettere i consumatori sotto pressione e persuaderli ad acquistare prodotti prima che abbiano effettivamente preso in considerazione le varie opzioni o alternative per l’acquisto. Ma ci può stare nella vendita, è sempre esistita.Le persone manipolatrici, però, ti metteranno sotto lo stesso tipo di pressione per forzare una reazione immediata, farti cedere: non farlo.
Se sai che dovrai prendere una decisione, se possibile, decidi prima di parlare con persone potenziali manipolatrici, porta a termine almeno parte del processo decisionale prima e poi non aver paura di prenderti tutto il tempo che è necessario, per considerare tutte le opzioni. Ciò ti aiuterà a mantenere la posizione salda, anche quando gli altri ti mettono pressione e ti darà l’opportunità di valutare tutto lucidamente

Umorismo negativo .

Ironia e sarcasmo sono all’ordine del giorno, e spesso utili, ma nelle mani di persone manipolatrici, si trasformano in umorismo derisorio, progettato per far vergognare le vittime.
Sebbene sembri innocuo e banale, l’ umorismo dispregiativo può effettivamente fomentare la discriminazione contro un gruppo o individuo mirati.
C’è poco che puoi fare per prevenire che questa situazione accada, ma la reazione migliore è mostrarti impermeabile: non ti importa proprio niente dell’umorismo negativo, del sarcasmo scurrile e di tutte le frecciate verso di te. Allontanati e contrasta con positività. Sei impermeabile!

Il finto tonto.

Alcune persone faranno i finti tonti per evitare di portare a termine i loro compiti.
Fingono di non sapere e giocano sporco sperando che tu finisca ciò che dovevano fare loro. In questo caso, la cosa peggiore è, per quieto vivere, fare tutto il lavoro da solo.
Non permettere a queste persone di farla franca: sii tenace e costringili ad assumersi la responsabilità delle proprie azioni. Appena hai finito il tuo lavoro, occupati di altro o vattene, non lasciarti infinocchiare! CERCA DI NON ESSERE VULNERABILE NEL LAVORO!


RICORDA:
La manipolazione è spesso usata da coloro che ti vogliono raggirare, da quelli che hanno scarsa autostima o da quelli che sono degli scansafatiche.

Qualunque sia la motivazione, tieni d’occhio i segnali della manipolazione e saprai come contrastarla.
(…e assicurati di non usare mai le stesse tattiche!).

Ai leader del futuro, ai veri leader, al tuo futuro da vero leader!

3 commenti

  • giovanni

    Ho una domanda sul punto “criticarti apertamente”: per critiche infondate si intendono processi alle intenzioni campati per aria o delle distorsioni di episodi che ti riguardano peggiorati su misura per aggredirti?

    • EleonoraVignato

      Entrambe le cose, con l’aggravante troppo spesso di farlo davanti agli altri per umiliarti ulteriormente.
      mi incuriosisce la tua domanda, tu ci vedresti una differenza grande tra le due cose?

  • Francesco Di Bella

    La differenza è nella sfacciataggine della menzogna, perché nel primo caso vengo aggredito in base ad una menzogna che non posso in alcun modo verificare, mentre nel secondo caso la sua menzogna prova a farmi riconsiderare qualcosa che ho vissuto in modo diverso, ed è molto più destabilizzante perché stai a chiederti “ma è possibile che mi menta in faccia su un episodio che conosco benissimo? magari lo ricordo male io/magari ho interpretato male etc etc etc”. Grazie mille per la risposta e auguroni per la nascita di tua figlia :).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *