FAMIGLIA,  TUTTI GLI ARTICOLI DEL BLOG

COME SOPRAVVIVERE ALLE PRIME SETTIMANE CON UN NEONATO

Hai appena avuto un bambino! Congratulazioni! Ma Santo cielo, hai ancora male! E sei stanca! Ci sono passata anche io, mamma. Appena nato il tuo bambino, starai vivendo sull’onda del picco di endorfina procurato dall’aver abbracciato il tuo adorabile fagottino.
Ma, purtroppo, quello che sale deve scendere, e noi neomamme non facciamo eccezione!
Ci ho messo un bel po’ a chiarirmi le idee, e nel frattempo ho pensato a quali sono le cose più importanti che av rei voluto condividere con voi o che io avrei voluto leggere, ritenendo che mi avrebbero aiutata.
Passati oltre 40 giorni dalla nascita della mia piccola Ludovica, voglio ricominciare a lavorare e scrivere, e nel farlo, voglio partire da qui.
Da come sopravvivere i primi giorni con un neonato!

sopravvivere prime settimane neonato

Ecco i migliori consigli per rendere le prime settimane a casa con il bambino più facili !

1. Riposo.

Riposo. Questo è in assoluto il consiglio più semplice, e la necessità primaria di ognuno, soprattutto di una neomamma, tuttavia è chiaro che è quello con cui noi donne abbiamo più difficoltà. Siamo abituate a fare tutto, essere ovunque e prenderci cura di tutti.
Bene, attenta a quello che sto per dirti.
Stop!
Basta.
Fermati e rilassati, almeno per qualche settimana. Lascia che il tuo compagno prenda in consegna alcune delle faccende domestiche. Lasciati aiutare in casa o con i bambini più grandi, dai nonni, da altri parenti o da amici. Datti il ??permesso di NON fare nulla. Se i piatti non vengono fatti, non importa. Se i letti rimangonod a fare, amen. Il tuo più grande lavoro durante le prime settimane è prenderti cura di te, legare con il bambino e lasciare che il tuo corpo guarisca. Non puoi guarire se sei in piedi per ore a pulire la casa. Inoltre, esagerare dopo il parto può aumentare l’emorragia farti finire dal medico o, peggio, all’ospedale. Goditi la tua famiglia per qualche settimana. Finché tutti sono al sicuro e nutriti, è tutto a posto: anche prima del bebè, vieni tu, in questi giorni, perchè quando ha mangiato, è stato cambiato e sta bene, non ha bisogno di altro per ora. Quella che ha bisogno ora sei tu!
La casa non deve certo essere degna di rivista degna in queste prime settimane (o se sei come me, mai!)

2. Mangia

Mangia bene! Anche questo sembrerà banale, ma è facile mettersi nei guai quando hai un esserino umano nuovo di zecca che ha bisogno di te 24 ore su 24.
Devi nutrire il tuo corpo e la tua mente. Assicurati di mangiare pasti sani e di bere molta acqua.
L’acqua è particolarmente importante se stai allattando al seno: ora è caldo quindi è più facile bere acqua, ma se sei diventata mamma con il freddo aiutati con tisane e succhi di frutti, che ti invoglino a bere. Il tuo corpo non può fare latte o guarire se non riceve la corretta alimentazione. Armati di snack facili e sani che puoi assumere velocemente: pensa alla frutta, a qualche cubetto di formaggio, alle barrette ai cereali,… qualcosa che puoi afferrare mentre attraversi la cucina renderà molto più facile raggiungere il nutrimento di cui hai bisogno!

3. Chiedi aiuto

Non aver paura di chiamare e chiedere un aiuto per le assolvere alle necessità quotidiane, durante le prime settimane. Se hai bambini più grandi, forse hai qualcuno che potrebbe portarli e prenderli a scuola per una settimana o due in modo da non dover trascinare anche il neonato fuori. Forse hai un’ amica che si fermerebbe al supermercato per te. Le persone in genere sono felici di aiutare una mamma, se solo venisse loro chiesto! Quindi non aver paura di chiedere a chi ti sta intorno una mano, durante le prime settimane.

Processed with VSCO with a2 preset

4. Parla

Questo è importantissimo. È normale sentirsi un po’ fuori di testa (o matte del tutto!) dopo aver partorito. I tuoi ormoni sono in giostra, sei esausta e sei al settimo cielo per quanto sei innamorata del tuo bambino. Potresti piangere per ogni stupidaggine o anche senza un motivo.

Un minuto ti sentirai in cima al mondo e il minuto dopo starai singhiozzando. Questo può essere normale. Tuttavia, se continui ad avere sentimenti di tristezza o emozioni estreme, ti preghiamo di chiamare il medico. Forse il tuo bambino sta piangendo e ti ritrovi a non preoccuparti di aver bisogno di te. Forse hai un’intensa ansia e non puoi uscire di casa. Questi non sono normali. E sentirsi in quel modo non è colpa tua. Se ti senti in quel modo, il tuo medico può assolutamente aiutarti. Diventare una nuova mamma è stressante ma dovrebbe essere un’esperienza piacevole. Se non ti stai godendo una nuova mamma, chiama il tuo dottore. Oppure chiedi a tuo marito, a tua madre o al tuo migliore amico! Non importa chi effettua la chiamata, fai semplicemente la chiamata e ottieni ciò di cui hai bisogno per sentirti meglio!

5. Dì NO

Questo è davvero difficile da dire per alcune mamme. La vita non può rallentare neanche ora che ci è appena nato un bambino. Vorremmo essere in grado di scivolare nei nostri jeans attillati due giorni dopo il parto, guardarci allo specchio e vedere un’immagine da copertina, cuocere 30 dolcetti per la festa della classe del bambino più grande, mantenere una casa scintillante,… tutto questo dopo 24 ore di parto, 2 ore di spinte e un tot di punti nella nostra zona più… sensibile.
Ascoltami. Ti sto dando il permesso di dire NO. A tuo figlio maggiore servono dolcetti per una festa? Comprale in pasticceria!
I biscotti acquistati in negozio anziché quelli fatti in casa non faranno certo morire nessuno!

Dì NO al trascinare il tuo bambino dappertutto se non ne hai voglia! La famiglia o chi vuole vedere il bambino, può venire a casa tua per festeggiare…e possono anche portare il cibo e pannolini, già che ci sono!

6. Dormi

La privazione del sonno non è uno scherzo, non ne parliamo quando hai un neonato in casa. Penso che la situazione più difficile per dei neogenitori, sia far fronte alla stanchezza ed al sonno in particolare. È una tipo di stanchezza insopportabile.
È così importante, perciò, che tu dorma ogni volta che puoi.
Se il bambino fa un pisolino, dovresti farlo anche tu.
So che è difficile convincerti a dormire quando lo fa il bambino, perché non hai avuto due minuti per te da quando è nato. Vorresti fare una doccia e magari mangiare con entrambe le mani, in libertà! Ma hai BISOGNO di dormire. Cerca, perciò, di dormire almeno una parte del tempo in cui il bambino dorme.

7. Prenota l’appuntamento successivo

Noi mamme siamo incredibili nel metterci dopo tutti gli altri. Dobbiamo smetterla! Assicurati di fare i controlli necessari dal medico. L’appuntamento da prendere sarà in genere sei settimane dopo il parto per un parto vaginale ed entro 2 settimane se il parto è stato con cesareo.
Questo appuntamento dà al medico la possibilità di visitarti e verificare che tu stia fisicamente come dovresti essere. Ti dà anche la possibilità di porre qualsiasi domanda tu possa avere. E questo appuntamento è una buona occasione per far sapere al tuo medico se non ti senti più te stessa (ricordi il punto numero 4?).
Non puoi prenderti cura della tua famiglia e del tuo bambino in particolare se non sei in forma tu, quindi assicurati di non saltare nessun appuntamento dal medico!

8. Fai un sacco di foto

Le prime settimane con un neonato volano. Assicurati di catturare più momenti possibile con le foto! metti in moto la fotocamera (o usa il telefono) e scatta qualche foto ogni giorno. Non importa se i capelli sono un disastro o se non sei truccata: scatta quella foto!!
Questi giorni voleranno via e sarai così felice di avere un sacco di foto per ricordare quelle prime settimane con la tua bambina o con il tuo bambino!

Spero che questi suggerimenti ti aiutino a superare le prime settimane da mamma un po’ più facilmente! Credimi: sembrano difficili da superare, in realtà poi ti mancheranno…

È davvero un momento fantastico pieno di un sacco di emozioni!

Come sono state le tue prime settimane da mamma? Che consigli avresti per le nuove mamme?
Fammi sapere nei commenti!

Ti abbraccio tanto!

eleonora vignato sopravvivere neonato prime settimane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *